gennaio 22 2018 0Comment

Presentazione del volume “La città sotto il fuoco della guerra”

2014

Giovedì 20 novembre presso la Sala Conferenze del Comando dei Vigili del Fuoco di Torino, è stato presentato il libro, a firma di Michele Sforza, “La città sotto il fuoco dei bombardamenti – la tragedia delle città italiane e l’impegno dei vigili del fuoco nella seconda guerra mondiale”, utilizzando immagini e documenti provenienti esclusivamente dall’Archivio Storico del Comando.

Un testo considerato importante da molti perché minuziosamente racconta della tragedia di Torino negli anni di guerra e dello spirito di sacrificio di quanti, come i vigili del fuoco, cercarono di lenire quelle sofferenze. Il libro racconta anche di come i vigili del fuoco non si fossero limitati alla sola assistenza dei feriti, al recupero delle salme e alla rimozione delle macerie, ma come e perché abbiano combattuto al fianco della popolazione anche nella lotta di Liberazione e in che modo siano diventati, a prezzo di circa quaranta caduti, uno dei pochi punti residui di riferimento nel progressivo sfascio delle strutture statali; oltremodo evidenzia anche quanto questo impegno sia stato il frutto della tenacia dei singoli e l’espressione dell’organizzazione del Corpo.

La presentazione, oltre che per i qualificati interventi, è stata caratterizzata dalla presenza di una big band che ha eseguito brani degli anni 30’-40’ del 1900 e per la lettura, da parte di alcuni attori recitanti, della testimonianza di Giovanni Mantelli, pompiere-partigiano deportato nel campo di concentramento di Gaggenau (Germania).

Oltre all’autore hanno presentato il libro il Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco del Piemonte, ing. Davide Meta, il Comandante Provinciale di Torino, ing. Salvatore Spanò, lo storico della fotografia Prof. Dario Reteuna e Aldo Allocco che ha portato la sua testimonianza di pompiere partigiano. Moderatori i Vigili del Fuoco storici per passione: Alberto Merlo e Enzo Ariu.

Nel corso della serata sono stati presentati al pubblico e alle autorità presenti i primi due volumi restaurati, di quattordici in totale, contenenti tutti gli interventi di soccorso, portati dai vigili del fuoco di Torino nei cinque anni di guerra. Il restauro è stato possibile grazie al generoso contributo dell’ing. Giuseppe Amaro, ex Funzionario dei Vigili del Fuoco di Torino.

Il Comando intende esprimere i propri ringraziamenti alla big band composta da Roberto Fiore, Giovanni Berchiatti, Stefania Como e Gianluca Oria, ai lettori recitanti Giorgio Massimetti, Carla Massimetti e Vincenzo Jacomuzzi, all’Associazione Per la Storia dei Vigili del Fuoco – Orchestra a Fiati e all’Associazione Nazionale VVF – Sezione di Torino.

 

su http://www.vvf.to.it