SICUREZZA PARTECIPATA

“Le soluzioni elaborate insieme ai destinatari, o a coloro che devono subirne l’impatto, sono spesso migliori. In primo luogo perché tengono conto, dentro un quadro generale, della dimensione specifica in cui quell’opera viene calata. In secondo luogo perché sono il frutto di un’intelligenza collettiva, capace di guardare al problema in un’ottica creativa, in cui la ricerca della soluzione diventa il terreno di incontro fra gli interessi di tutti.” Iolanda Romano, Cosa fare – Come fare

Il progetto pilota

Fra l’autunno del 2010 e la primavera del 2011, nel quartiere di Porta Nuova Garibaldi a Milano si è svolto un percorso pilota che ha coinvolto attivamente i lavoratori nell’ambito del progetto Sicurezza Partecipata. Ideato dall’ing. Giuseppe Amaro insieme ad Avventura Urbana e Hilton Moran Italia, il progetto è stato supportato da Hines Italia e da Colombo costruzioni, con la collaborazione di alcuni importanti enti che si occupano di prevenzione in materia di sicurezza sul lavoro: Inail Lombardia, Ministero del Lavoro, ASL Milano, Filca-Cisl, Provincia di Milano. 

Che cosa prevede

La Sicurezza Partecipata è un modello sperimentale di gestione della sicurezza in cantiere basato sul superamento della tradizionale ottica prescrittiva (la sicurezza che vieta e sanziona) in favore di un approccio per obiettivi e prestazioni (la sicurezza che incentiva e premia); si affianca sia alla fase di progettazione esecutiva sia a quella operativa, direttamente sul cantiere. Questo modello permette di elaborare con l’impresa appaltatrice ed i lavoratori coinvolti un Piano della Sicurezza condiviso che tenga conto della logistica e delle tecnologie usate nel cantiere, delle esperienze dei lavoratori e delle possibili innovazioni tecniche in fase esecutiva.

La sicurezza ti premia

Dopo una fase iniziale di indagine, che attraverso metodi come lo shadowing e le interviste ha permesso di identificare i principali problemi che sorgono quotidianamente in fatto di sicurezza, è stato indetto il concorso di idee “LA SICUREZZA TI PREMIA”, rivolto a tutti i lavoratori delle ditte attive nel cantiere di Porta Nuova Garibaldi nel periodo di svolgimento del concorso. Per i lavoratori che avessero presentato le proposte migliori vi erano in palio premi in denaro, secondo i criteri dell’efficacia, della fattibilità e dell’originalità dell’idea.

Risultati

Gli operai e gli operatori di cantiere hanno presentato 34 idee che ben rappresentano la ricezione positiva del progetto da parte dei lavoratori. Successivamente questo approccio partecipativo è stato utilizzato nei cantieri della Torre della Regione Piemonte, a Torino, e nel cantiere del Museo Egizio, sempre a Torino.

A seguito di queste esperienze si è arrivati alla stesura di un manifesto in 7 punti per la sicurezza in cantiere, ed è stata spianata la strada per lo sviluppo di un nuovo approccio alla sicurezza di tipo partecipato, in grado di integrare e migliorare la normativa vigente.